Coronavirus e italiani in viaggio, tra chi chiude le frontiere e chi le controlla

La paura che la malattia si diffonda a livello planetario limita gli spostamenti dei cittadini. Tante le disdette negli alberghi veronesi, ma anche di voli per l'estero

Foto di repertorio

Un virus si aggira per il mondo, è il Covid-19 e per evitare di essere contagiati in molti limitano i propri spostamenti. Attività economiche come bar, ristoranti, pasticcerie hanno visto un netto abbassamento del numero di clienti ed è più la paura del coronavirus a paralizzare la cittadinanza piuttosto che il virus stesso. E se in tanti non vanno più al bar o al mercato, figuriamoci quanti sono quelli che decidono di disdire il loro viaggio. Negli alberghi le rinunce fioccano e anche i passeggeri dei voli sono calati nei giorni scorsi con percentuali a due cifre. 

Non si viaggia verso il Veneto perché c'è un focolaio di coronavirus, ma sono diminuiti anche coloro che partono dagli aeroporti veneti. Il timore è che la propria vacanza venga rovinata dalle misure di contenimento dei contagi o che venga addirittura bloccata come è successo ai turisti lombardi e veneti alle Mauritius

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I viaggiatori possono comunque vantare i loro diritti, come ricordato da Adiconsum Verona, ma comunque una vacanza rovinata rimane rovinata, anche quando viene risarcita. E così è sempre meglio informarsi in caso di viaggio all'estero, tenendo soprattutto d'occhio gli aggiornamenti del sito Viaggiare Sicuri, che tempestivamente pubblica i provvedimenti presi dai vari paesi sul coronavirus. In questo modo, i viaggiatori possono farsi un'idea e soprattutto sapere se ci sono restrizioni sugli arrivi. Perché ogni paese reagisce in modo diverso e così, ad esempio, in Arabia Saudita gli italiani non possono andare, mentre in Polonia o in Germania si può, purché si adottino misure di auto-monitoraggio. Anche Capo Verde ha voluto interrompere i collegamenti aerei con l'Italia, mentre altri paesi come la Repubblica Ceca hanno predisposto all'aeroporto di Praga dei gate appositi per chi arriva dallo Stivale, così da poter svolgere sul posto i dovuti controlli. E controlli all'ingresso del paese anche per chi è diretto in Ucraina o in Lettonia, mentre c'è libertà di circolazione in altri paesi europei, anche se a tutti viene richiesta la massima collaborazione nel caso si manifestassero i sintomi del coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento