Consegnate a 5 studenti le borse di studio dedicate a Fiorito e Frassanito

Gli studenti premiati perché hanno conseguito la maturità con particolare merito sono Ravi Ferigo, Marta Piazzola, Yahia El Ourrak, Michele Perlina e Francesco Turra

Sono stati premiati ieri, 9 maggio, in Gran Guardia, i cinque vincitori delle borse di studio dedicate alla memoria dei militari veronesi Manuel Fiorito ed Enrico Frassanito. Le borse di studio, del valore di duemila euro ciascuna, sono state istituite dal Comune per ricordare i due concittadini e con loro tutti i militari caduti nell'adempimento del dovere in missioni internazionali di pace. I premi vengono assegnati a studenti veronesi particolarmente meritevoli che abbiano conseguito la maturità con un punteggio non inferiore a 98/100.

Per l'anno scolastico 2016/2017, sono risultati vincitori gli studenti: Ravi Ferigo, diplomatosi con votazione 100 e lode al liceo classico Maffei, Marta Piazzola, diplomatasi con votazione 100 e lode al liceo scientifico Messedaglia, Yahia El Ourrak, diplomatosi con votazione 100 e lode al liceo scientifico Galilei, Michele Perlina e Francesco Turra, diplomati con votazione 100/100 all'istituto San Zeno.

Presenti alla cerimonia l'assessore alle politiche giovanili Francesca Briani, il generale di corpo d’armata Amedeo Sperotto, comandante delle forze operative terrestri di supporto, Giuseppe Venturini in rappresentanza dell'ufficio scolastico territoriale e, per le famiglie dei due militari veronesi, la madre di Enrico Frassanito Anita Corsi e la sorella di Manuel Fiorito, Sandrina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giovani sono il nostro futuro - ha detto Briani - Con questa iniziativa vogliamo promuovere tra i ragazzi la diffusione di una cultura del merito, attraverso il pubblico e concreto riconoscimento dell'impegno personale nell'attività di studio, ma anche ricordare due giovani uomini che hanno onorato il nostro Paese nelle missioni di pace, fino all’estremo sacrificio della vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento