​Intervento da 130mila euro alle case Agec di via Volturno, il sindaco: «Più sicurezza»

In arrivo nuovi cancelli elettrici e i lavori di riqualificazione del cortile. Sboarina: «Vogliamo garantire la sicurezza dei cittadini che vivono nelle case comunali»

Il sindaco questa mattina in sopralluogo alla case Agec di via Volturno a Verona

Lavori in corso nel complesso Agec che si trova tra via Volturno, via Scuderlando e via Villa Glori, per garantire la sicurezza dei residenti e riordinare le aree comuni. Due nuovi cancelli elettrici, fanno sapere da Palazzo Barbieri, sostituiranno i vecchi muri di recinzione, impedendo così l’accesso agli estranei ed evitando situazioni di degrado e cattive frequentazioni.

Fino ad ora, infatti, i passaggi carrai e pedonali non avevano alcun sistema di chiusura e pertanto chiunque poteva entrare. Il cortile esterno, comune a più palazzine e utilizzato come parcheggio, verrà completamente ripavimentato non appena saranno terminati i lavori per la canalizzazione delle acque. Saranno inoltre installati un nuovo impianto di illuminazione esterno, così come casellari postali e campanelli fuori dai cancelletti pedonali. L’intervento, che dovrebbe terminare entro la fine di ottobre, prevede una spesa di 130mila euro. Inoltre, anche in questo complesso, dopo la sperimentazione che sarà fatta nei condomini Agec di via Tunisi, potrebbero essere installate telecamere fuori dai cancelli esterni in grado di riconoscere le targhe dei residenti e far entrare così solo i mezzi autorizzati.

sboarina case agec via volturno

Il sopralluogo alla case Agec di via Volturno a Verona

Questa mattina, sul cantiere, il sindaco Federico Sboarina insieme al presidente Agec Roberto Niccolai e all’assessore al Patrimonio Edi Maria Neri. «Stiamo portando avanti diversi interventi all’interno dei compendi Agec, – ha detto il sindaco – proprio per garantire la sicurezza dei cittadini che vivono nelle case comunali. Nel complesso di via Tunisi sperimenteremo la chiusura con cancelli esterni, sorvegliati da telecamere in grado di riconoscere le targhe dei residenti. Così ingressi e uscite saranno monitorati, evitando episodi di degrado e delinquenza. Se il test funzionerà, potremo poi adottare la stessa tecnologia anche negli altri complessi».

«I due cancelli elettrici saranno posizionati rispettivamente uno su via Villa Glori e l’altro su via Volturno e consentiranno l’accesso dei residenti o di quanti devono raggiungere la casa anziani – ha spiegato Niccolai -. Il resto della recinzione sarà completamente rifatta in ferro o con muretti perimetrali, proprio per mantenere l’uniformità con gli altri edifici che fanno parte dello stesso complesso. Una riqualificazione importante a servizio degli oltre 80 alloggi di questo compendio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Interventi di manutenzione straordinaria del nostro patrimonio che non potevano aspettare, lavori che mai erano stati fatti prima – ha concluso l’assessore Neri -. Ovviamente dobbiamo operare in accordo con la Soprintendenza, tenendo conto, come in questo caso, dei vincoli che sussistono sugli edifici storici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento