A22, code per chilometri. «Non rispettare le regole crea più danni della neve»

La società che gestisce l'autostrada del Brennero interviene dopo 24 ore nerissime per il traffico in prossimità del confine di Stato

Foto di repertorio

«La nevicata era prevista, i mezzi d'intervento più che adeguati e il personale, oltre duecento uomini, allertato e mobilitato per tempo. I pesanti disagi alla circolazione delle ultime 24 ore in prossimità del valico del Brennero sono stati in massima parte causati dal mancato rispetto delle regole». Si è giustificata così la società che gestisce l'autostrada del Brennero, dopo 24 ore nere per la A22.

A causa della neve si sono formate code chilometriche al confine tra Italia e Austria. La nevicata è cominciata nelle prime ore del mattino di ieri, 1 febbraio, e si è intensificata dalle 15, in particolare nella tratta compresa tra la stazione di Chiusa e il confine di Stato. E il meteo non ha fatto altro che peggiorare una situazione resa complicata ogni venerdì dal divieto di transito istituito dalle autorità austriache, che genera un aumento del traffico pesante perché gli autisti vogliono passare il confine prima delle 22 ed evitare così una lunga sosta nel fine settimana. In concomitanza, numerosi motociclisti si sono avventurati sulla carreggiata Nord, nonostante la nevicata, per raggiungere un noto motoraduno che si tiene ogni anno in Baviera. La velocità ridotta e le numerose cadute, fortunosamente senza conseguenze, hanno obbligato i mezzi pesanti a frequenti fermate e invasioni di corsia di sorpasso a loro vietata, con la conseguente difficoltà nel ripartire in salita. Molti mezzi pesanti con pneumatici lisci e/o non attrezzati con dotazione invernale hanno causato numerosi blocchi del traffico. Inoltre, diversi autisti di camion hanno arbitrariamente violato il divieto di sorpasso finendo per bloccare anche la corsia di sorpasso. A quel punto, con entrambe le corsie occupate da mezzi pesanti in panne, gli automobilisti si sono ritrovati a loro volta bloccati e i mezzi sgombraneve nell'impossibilità di operare.
All'aggravarsi della situazione, sono state istituite uscite obbligatorie alle 20:40 di venerdì a Bressanone per il traffico diretto a nord, alle 21:05 Bressanone per il traffico proveniente dal Brennero, alle 21:31 a Chiusa per il traffico leggero diretto al Brennero. Alle 22.40 è stato attivato il servizio di Protezione civile per la distribuzione di generi di conforto nel tratto Brennero-Chiusa. Durante la notte tra venerdì e sabato si è continuato a lavorare per rimuovere le code attraverso la chiusura delle stazioni in ingresso e attivando, alle 4.40, l'uscita obbligatoria per i mezzi superiori alle 7,5 tonnellate alla stazione di Trento Nord.
Alle 7.30 di oggi è stato chiuso al traffico il tratto Chiusa-Vipiteno in direzione Brennero. Nel frattempo era già caduto fino a un metro di neve. A complicare una situazione già critica per diversi fattori, alle 10.10 è caduta una valanga al chilometro 5. Caduta quando erano già state poste in essere diverse chiusure, la valanga non ha colpito alcun veicolo. Ha, però, imposto la chiusura di entrambe le carreggiate e la visita sul posto della Commissione Valanghe. L’area interessata è stata monitorata con l’ausilio di un elicottero. La circolazione è stata ripristinata alle 13.05.
Mentre il tratto tra Chiusa e Bressanone veniva faticosamente svuotato, incontrando perfino mezzi privi del gancio di traino e lo stesso si stava riuscendo a fare nel tratto tra Bressanone e il Brennero, la carreggiata sud, che fino e metà mattina presentava solo dei rallentamenti, è a sua volta andata in crisi a causa del mezzi pesanti che non solo non hanno rispettato il divieto di sorpasso, ma si sono in più di un caso anche fermati in corsia di sorpasso per montare, tardivamente, le catene, bloccando i veicoli leggeri e creare disagio alla circolazione.

«Autostrada del Brennero si sta adoperando in ogni modo per risolvere i problemi il più rapidamente possibile, compatibilmente con una situazione di oggettiva emergenza determinata dal sommarsi di più fattori non controllabili - si legge nella nota diffusa dalla società di gestione della A22 - Si coglie l'occasione per ricordare il divieto di sorpasso per i mezzi pesanti lungo tutta la tratta e con ogni condizione metereologica, oltre all'obbligo di montare pneumatici invernali o avere a bordo le catene da neve. Inoltre, si rammenta che è buona norma informarsi sulle previsioni meteo prima di mettersi in viaggio, rimandandolo se possibile fino al miglioramento della situazione meteo».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento