Candidatura olimpiadi invernali 2026, Sboarina: «Fascino Arena è valore aggiunto»

Cresce l'attesa per il verdetto circa l'assegnagnazione delle olimpiadi invernali 2026 che potrebbe vedere l'Arena sede della cerimonia di chiusura. Il presidente del Coni Giovanni Malagò ottimista: «Se si perde finisco male, però io dico che vinciamo»

Da sx il presidente del Coni Malagò, il sindaco Sboarina e l'assessore allo Sport Rando - immagine d'archivio

Giovedì 13 giugno a Roma, nella sede CONI al Foro Italico, si è svolto l’incontro sulla candidatura "Olimpia 2026". Il sindaco Federico Sboarina ha partecipato in collegamento telefonico da Verona. «Anche la città di Verona si unisce, con Milano e Cortina, nella trepidante attesa di portare a casa l’importante risultato delle Olimpiadi invernali del 2026, che vedrebbe l’Arena come sede della cerimonia di chiusura dei Giochi. Da grande sportivo e da sindaco, - ha dichiarato Sboarina - faccio il tifo affinché tutto vada per il meglio».

«Per questo obiettivo siamo impegnati al massimo, - ha poi aggiunto il primo cittadino veronese - consapevoli dell’importante patrimonio in nostro possesso, perfettamente rappresentato nella straordinaria unicità e bellezza dell’anfiteatro romano. Un fascino che è stato ammirato da tutta Italia e dal mondo durante i collegamenti televisivi dell’ultima tappa del Giro d’Italia. Immagini aeree di Verona e dell’Arena che hanno perfettamente rappresentato l’incredibile eccezionalità di un evento sportivo in questa cornice. Per questo, - ha quindi concluso il suo intervento il sindaco scaligero - ribadisco ancora una volta la disponibilità ad ospitare la cerimonia dei Giochi in Arena, luogo di suggestione unico al mondo, un sicuro valore aggiunto alla manifestazione e alla possibile aggiudicazione di questo importantissimo appuntamento sportivo».

A sua volta il presidente del Coni Giovanni Malagò, intervenuto ad Asti alla celebrazione dell'anno sportivo piemontese 2019, parlando della candidatura italiana per le Olimpiadi 2026 è parso voler alimentare le speranze di tutti: «Ho detto fin dal primo giorno che sono ottimista, ma è dura. Se si perde finisco male, - ha aggiunto - ma se si vince in molti montano su questo carro. Però io dico che vinciamo». La decisione del Cio tra la candidatura italiana e Stoccolma-Are resta fissata per il prossimo 24 giugno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • Esce di strada da solo, inutili i soccorsi: morto motociclista dopo l'incidente

Torna su
VeronaSera è in caricamento