Boom di iscrizioni al master in osteopatia promosso da UniVr ed Eom Italia

Il corso, che ha durata biennale e prevede la frequenza obbligatoria per almeno l'80% delle lezioni, sarà diretto dal professor Nicola Smania

Gli studenti che hanno conseguito il master in osteopatia

Sono oltre 700 studenti gli iscritti al master in osteopatia a Verona. Un boom che non ha eguali in Italia e che si spiega con il fascino di una scienza legata allo studio del corpo umano. Ed è questo il significato della partenza, per il sesto anno consecutivo, del master in osteopatia delle disfunzioni muscolo-scheletriche che l'università di Verona promuove con Eom Italia, la scuola di formazione osteopatica che vede la sua principale sede italiana a Villa Vecelli Cavriani a Mozzecane.

Il corso, che ha durata biennale e prevede la frequenza obbligatoria per almeno l'80% delle lezioni, sarà diretto dal professor Nicola Smania. L'obiettivo è quello di approfondire i principi che governano i meccanismi di controllo del sistema neuro-muscolo-scheletrico, ricercare e identificare la disfunzione dei distretti corporei associate alle varie patologie, proporre modalità di intervento manipolativo e promuovere lo sviluppo della ricerca scientifica.
Il master coinvolge circa 140 studenti ogni anno che, affascinati dalla prospettiva di approfondire il loro percorso di conoscenza sul corpo umano, approcciano l'osteopatia come una scienza medica. Circa l'80% dei partecipanti al termine del master prosegue la formazione per completare il percorso utile all'ottenimento della certificazione in osteopatia. Il 20% si proietta nel mondo del lavoro andando ad occupare posizioni presso centri riabilitativi, centro medico-sportivi, case di riposo.

Sono soddisfatto che la collaborazione con l'università di Verona prosegua in modo proficuo e che il nostro master sia seguito con successo - ha detto Andrea Turrina, corresponsabile del progetto - Quest'anno il legame è ulteriormente saldato dalla convenzione stipulata nei mesi scorsi con Esu, che garantisce la presenza di una nostra professionista dedicata agli studenti universitari nella residenza di Corte Maddalene. L'obiettivo a cui teniamo particolarmente è quello di legare la disciplina osteopatica alla scienza medica e fisioterapeutica, in quanto riteniamo che solo chi ha già una formazione di base sanitaria possa comprendere a fondo i meccanismi del corpo umano. Riteniamo che solo da un percorso universitario possano sbocciare professionalità adeguate alla complessità della materia osteopatica. Purtroppo oggi in Italia manca ancora una disciplina normativa che regoli la formazione osteopatica, tranne la legge 3/18, i cui decreti attuativi sono ancora fermi da anni. Questo comporta la nascita di una serie di figure ibride, magari professionali, ma che sono prive a nostro parere delle nozioni adeguate sul corpo umano necessarie per intraprendere un percorso di alto livello.

La sesta edizione del master si svolgerà da gennaio 2019 a novembre 2020. Le possibili sedi sono Mozzecane (VR), Vado Ligure (SV), Roma, Udine e Torino. A seguito della partecipazione alle lezioni, del superamento delle prove finali e delle necessarie ore di attività pratica, l'università rilascia agli allievi 142 cfu (crediti formativi universitari). Per le iscrizioni, che saranno fino al 21 ottobre prossimi, o per avere ulteriori informazioni su temi trattati e costi, basta cliccare qui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento