Barriere architettoniche: dalla Regione un contributo per abbatterle

Palazzo Balbi ha deciso di stanziare 500 mila euro per contribuire alle spese dei Comuni che predisporranno entro novembre un Peba o che revisionino vecchi piani non più adeguati

Immagine generica

La Giunta regionale del Veneto torna a destinare contributi ai Comuni del Veneto perché si dotino di un ‘piano regolatore’ per l’accessibilità e la vivibilità dei propri centri urbani. Da una recente indagine della Regione risulta che siano appena una sessantina su 563 le amministrazioni comunali che si sono dotate di un Peba, cioè di un piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche, così come prevedono la legge nazionale 41/1986 e la legge regionale 16/2007. Lo scorso anno, con analoga misura, erano stati stanziati 800 mila euro, ma le richieste da parte delle amministrazioni, tutte soddisfatte, sono state di appena 510 mila euro.

Su proposta dell’assessore alla sanità e sociale Manuela Lanzarin, il governo regionale stanzia 500 mila euro per contribuire alle spese dei Comuni che predisporranno entro novembre un Peba o che revisionino vecchi piani non più adeguati. Da martedì, data di pubblicazione dell’avviso pubblico sul Bur, i Comuni veneti avranno 15 giorni di tempo per chiedere il cofinanziamento regionale e avviare così il lavoro di pianificazione o di aggiornamento del precedente piano.

«Gli incentivi della Regione hanno la funzione di sollecitare le amministrazioni locali ad adeguarsi ad un obbligo di legge - sottolinea l’assessore Lanzarin –. Il piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche è uno strumento indispensabile per garantire che gli immobili pubblici siano sempre accessibili e per programmare interventi di rimozione di barriere fisiche o senso-percettive negli interventi ordinari e straordinari di manutenzione e costruzione delle opere pubbliche. I piani per l’abbattimento sono una delle direttrici-guida nella programmazione dei lavori pubblici: un obbligo di civiltà per garantire la fruibilità e la vivibilità dei nostri centri e di tutti gli spazi pubblici».

Per incentivare anche i piccoli Comuni a dotarsi del Peba, la Regione ha previsto una duplice graduatoria: per i Comuni con meno di 10 mila abitanti il contributo regionale potrà arrivare a coprire sino al 60 % dei costi sostenuti per la progettazione, mentre per i Comuni con maggiore densità demografica il contributo non supererà il 20 % della spesa, tenuto conto che lo scorso anno la Regione aveva già messo a disposizione fondi per i Comuni con più di 10 mila abitanti. Infine, una terza graduatoria andrà a finanziare (fino al 20 % della spesa) gli oneri progettuali di quei Comuni che, a distanza di dieci anni dall’elaborazione del primo piano, sono tenuti ad aggiornare il loro Peba.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Comuni che si saranno dotati del piano ‘anti-barriere’ avranno la precedenza nell’assegnazione di contributi e riparti regionali per interventi e opere pubbliche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attaccata sotto la sedia, nascondeva una scatola con quasi mezzo chilo di coca

  • Coronavirus: Verona segna ancora il peggior aumento di casi positivi totali in Veneto

  • Ancora un dramma sulle strade: motociclista muore dopo lo scontro con un cervo

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Coronavirus a Verona: 25 nuovi casi e 4 decessi in poche ore, ma diminuiscono i "positivi"

Torna su
VeronaSera è in caricamento