Maltempo, la situazione migliora ma lo stato di attenzione prosegue

Nessuna grande emergenza, per fortuna, si segnala nel Veronese dove la viabilità è libera, tranne che per un tratto della SP 500 tra Cologna Veneta e Baldaria per un albero caduto sulla strada

Foto di repertorio

Abbiamo registrato qualche disagio ma la situazione è sotto controllo e comunque in fase di miglioramento.

A dirlo è l'assessore alla protezione civile della Regione Veneto Gianpaolo Bottacin, il quale ha assicura che: «Il nostro costante monitoraggio continuerà fino a chiusura delle criticità». Prosegue dunque l'allerta per il maltempo che si sta abbattendo in questi giorni sui territori veneti, provincia di Verona compresa. Prosegue anche se il quadro meteorologico generale è in fase di miglioramento e ciò genera qualche apprensione in più per il rischio valanghe e smottamenti.
«Colgo l'occasione per ringraziare - ha concluso Bottacin - i diversi enti interessati dalle criticità con cui manteniamo costanti contatti e in maniera particolare anche i volontari sempre presenti in caso di necessità».
Dalle 14 di oggi, 5 aprile, dunque continua lo stato di attenzione per criticità idraulica nei seguenti bacini idrografici dell'Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone e del Basso Brenta-Bacchiglione. Stato di allerta anche per criticità idrogeologica nel bacino dell'Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone. Permane inoltre lo stato di preallarme per rischio valanghe nelle Dolomiti e di attenzione in tutta la fascia delle Prealpi. Il pericolo di valanghe, nella giornata di oggi è indicato a livello 4, quindi forte, con pericolo di distacchi spontanei lungo i pendii ripidi in tutte le esposizioni.

Nessuna grande emergenza, per fortuna, si segnala nel Veronese dove la viabilità è libera, tranne che per un tratto della SP 500 tra Cologna Veneta e Baldaria per un albero caduto sulla strada. Sul posto anche i vigili del fuoco che sono dovuti intervenire anche al sottopassaggio di Sant'Ambrogio di Valpolicella che si era riempito con trenta centimetri d'acqua e una madre, in auto con suo figlio piccolo, era rimasta bloccata e nel panico. La donna e il bambino sono stati portati in salvo dai pompieri, i quali sono stati impegnati anche nel taglio di qualche ramo danneggiato dal vento e dalla pioggia in diverse zone della provincia e per qualche cavo dell'alta tensione che sfiammava. E potrebbe essere legato al maltempo anche il crollo del tetto di un fienile avvenuto ad Oppeano nella tarda mattinata di oggi. Parte del materiale crollato è finito in strada, la quale è stata poi liberata. Nessuno è rimasto ferito.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento