Animali in saldo, militanti tappezzano l'ingresso delle Porte dell'Adige

Azione degli attivisti di Centopercento Animalisti contro il negozio «L'altro mondo di Quark», che ha sede nel centro commerciale di Bussolengo

La protesta di Centopercento Animalisti alle Porte dell'Adige di Bussolengo

Avevano promesso «azioni determinate» contro il negozio «L'altro mondo di Quark» e i militanti di Centopercento Animalisti hanno mantenuto la parola. L'attività commerciale, che ha sede nel centro commerciale Porte dell'Adige di Bussolengo, era finito nel mirino dell'associazione animalista per una vendita in saldo di alcuni animali in prossimità delle festività natalizie. Gli attivisti hanno portato le loro proteste anche al sindaco, ma sono passati anche all'azione nella notte tra il 9 e il 10 gennaio.

centro-commerciale-Porte-dellAdige-animalisti-2
(Un manifesto appesa all'ingresso delle Porte dell'Adige)

Abbiamo tappezzato l'entrata del centro commerciale di Bussolengo con manifesti del nostro movimento che parlano chiaro, per far capire ai gestori delle Porte dell'Adige che fino a quando gli animali saranno venduti e considerati merce, con ogni mezzo legittimo inviteremo il pubblico a disertare il centro commerciale - scrive l'associazione Centopercento Animalisti - Gli animali non sono oggetti, non devono essere esposti e venduti, spesso capitano in mani di persone che li abbandonano senza scrupoli. Gli animali, soprattutto cani e gatti, si adottano nei canili e nei gattili, soprattutto se anziani. La vergogna del centro commerciale Porte dell'Adige deve finire.

centro-commerciale-Porte-dell-Adige-animalisti-2
(Altro manifesto appeso alle Porte dell'Adige)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento