Il piccolo Alessandro sbarca a Roma: la speranza è una terapia innovativa

I medici dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù lo sottoporranno ad un trattamento che prevede il trapianto di midollo da genitore attraverso la manipolazione delle cellule staminali

È arrivato a Roma Alessandro Maria Montresor, il piccolo nato a Londra da genitori italiani: Paolo Montresor, veronese, e Cristiana Console, napoletana. Fin dalla nascita il bambino è affetto da una grave patologia genetica, la linfoistiocitosi emafagocitica primaria, un difetto delle cellule del sistema immunitario incapace di gestire e respingere le infezioni.
Ad annunciare il suo arrivo nella Capitale è stata la Croce Rossa Italiana: "La nostra ambulanza arrivata poco fa dall'Aeroporto di Ciampino all'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con il piccolo Alex, il bimbo che lotta contro una malattia genetica rarissima e che stamattina è atterrato a Roma con i genitori da Londra".

I medici capitolini tenteranno di sottoporre il piccolo Alex ad una terapia innovativa che prevede il trapianto di midollo da genitore attraverso la manipolazione delle cellule staminali. Una tecnica innovativa di cui il professor Franco Locatelli è uno dei maggiori specialisti al mondo.
Per il trapianto di midollo ad Alex bisognerà comunque attendere settimane, il tempo necessario per l'esecuzione dei vari test preliminari e per il trattamento delle staminali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 ottobre 2019

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

  • Volotea, due nuove rotte dal Catullo e l'offerta biglietti sfiora il milione

  • Una fatale distrazione potrebbe aver spezzato la vita del 27enne in A22

  • Razzismo in un B&B di Verona, il gestore si scusa: «Parole mal pesate»

Torna su
VeronaSera è in caricamento