Alberi malati e pericolanti: Amia dà il via agli interventi di rimozione

Le operazioni inizieranno il 4 luglio da Lungadige Porta Vittoria e proseguiranno poi in tutti i quartieri. Tutti i vegetali rimossi saranno sostituiti nell’idonea stagione di riposo vegetativo da altri nuovi

Immagine di repertorio

Prenderà il via da domani, giovedì 4 luglio, una serie di interventi di rimozione e sostituzione di alcuni alberi che presentano criticità di stabilità strutturale legate a malattie di natura funginea. Un’apposita squadra di operatori specializzati di Amia entrerà in azione in diversi quartieri cittadini con l’obiettivo, da un lato di garantire una corretta manutenzione, cura e ordine di alcune aree verdi, dall’altro quello di assicurare la massima sicurezza a pedoni ed automobilisti. Gli interventi, coordinati e programmati con l’Amministrazione comunale, si concluderanno entro il mese di luglio ed avranno inizio nella giornata di domani in Lungadige Porta Vittoria, dove verranno rimossi 2 alberi di pioppo che, come emerso da attente valutazioni da parte di esperti ed agronomi della società, presentano sensibili problemi legati ad un grave stato di decadimento del legno e di conseguenza un elevato rischio per chi percorre quel tratto di strada sia piedi, che in auto.
Analoghi interventi saranno effettuati nelle prossime settimane anche nelle seguenti zone: piazzetta San Francesco; Parona; Colombare; piazza San Zeno; via Pontida; Giardini Lombroso. Tutti gli alberi rimossi saranno sostituiti nell’idonea stagione di riposo vegetativo (autunno-inverno) con nuovi alberi della stessa specie o con altre maggiormente indicate nello specifico contesto urbano e con particolari caratteristiche di resistenza e longevità. Interventi che molto spesso rivestono carattere d’urgenza e che necessitano di rimozione immediata, onde evitare gravi rischi per la collettività soprattutto in occasioni di forti temporali e vento particolarmente intenso.

«Ogni giorno Amia interviene con i suoi operatori nella manutenzione e nella cura degli alberi cittadini per assicurare e offrire alla cittadinanza spazi ordinati e sicuri – commenta il presidente Tacchella – A rotazione tutti gli alberi presenti nei giardini pubblici, nelle strade e nelle vie di Verona sono oggetto di manutenzione, di analisi di stabilità e di appositi trattamenti. Solamente dopo aver appurato che gli alberi non sono recuperabili, sono fortemente compromessi e presentano classi di pericolosità elevati ,vengono rimossi e sostituiti. Inoltre, una parte sana dei tronchi rimossi verrà recuperata e riutilizzata per la realizzazione di panche di legno, tavoli e zone picnic come recentemente avvenuto presso l’area di Castel San Felice alle Torricelle».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Scomparso da Sant'Ambrogio di Valpolicella, 18enne ritrovato a Portici

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento