Agec, oltre 4 milioni di euro per quasi 300 alloggi sfitti da recuperare

«Un potenziamento degli investimenti per l’area immobiliare, che porterà ad un’ulteriore crescita del numero di manutenzioni straordinarie e ordinarie effettuate e di immobili disponibili per la comunità veronese», ha detto il presidente Niccolai

Immagine generica

Recupero di quasi 300 alloggi attualmente sfitti ed ammalorati, per un investimento complessivo di 4,4 milioni di euro. Entra nel vivo la nuova fase d’intervento di Agec, operativa da aprile 2020.

I lavori di riqualificazione della ‘Task force turn over’ riguarderanno circa 277 appartamenti, in cui saranno effettuati: messa a norma dell’impianto elettrico, sostituzione dei serramenti interni ed esterni e rifacimento degli impianti termo-sanitari, delle pavimentazioni e dei bagni. Di questi immobili, 94 sono di edilizia residenziale pubblica, 166 a canone convenzionato e 17 di libero mercato. I primi alloggi saranno consegnati a partire da giugno 2020 e gli ultimi all’inizio del 2022. Tutte nuove abitazioni che andranno ad aggiungersi ai circa 170 alloggi che vengono ogni anno consegnati ai cittadini richiedenti.

Le attività di Agec sono state illustrate lunedì mattina in municipio dall’assessore al Patrimonio Edi Maria Neri insieme al presidente Roberto Niccolai.

«L’intento – sottolinea l’assessore – è di rendere fruibile dalla cittadinanza in difficoltà tutto il patrimonio immobiliare in possesso alla nostra partecipata. I progetti attivati o in fase di avvio contribuiranno a velocizzare la consegna di alloggi fino ad oggi non utilizzati, aumentando l’offerta abitativa annua di Agec. Abbiamo ereditato molto patrimonio sfitto e ammalorato su cui ora, a totale carico di Agec, sono in programma interventi di recupero per la complessiva riqualificazione».

«Nel corso del 2019 – ricorda il presidente Niccolai – gli alloggi sottoposti a interventi di riqualificazione ed efficientamento energetico sono 170 degli immobili di via Tunisi e 240 in quelli del Saval, i cui lavori termineranno, rispettivamente, a gennaio e nella primavera del 2020. A questi, andranno ad aggiungersi 32 alloggi da poco terminati, realizzati all’ex caserme Santa Marta e Passalacqua, costati ad Agec oltre 3 milioni di euro. Nonostante questo, visto l’alto numero di richieste, Agec risponde alle esigenze dei cittadini con questa nuova task force. Un potenziamento degli investimenti per l’area immobiliare, che porterà ad un’ulteriore crescita del numero di manutenzioni straordinarie e ordinarie effettuate e di immobili disponibili per la comunità veronese».

Il patrimonio gestito da Agec conta complessivamente più di 6700 unità, di cui 4000 sono abitative. Da gennaio 2018 a settembre di quest’anno l’azienda ha risposto alle esigenze dei cittadini veronesi assegnando 175 immobili alle famiglie in emergenza abitativa e 51 alloggi alle famiglie in graduatorie dell’Edilizia residenziale pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Tre persone portate in ospedale dopo un scontro frontale tra due auto

  • Verona e le sue bellezze storiche e culturali approdano in tv sulla Rai

  • Una persona travolta da un treno a Verona: sospeso il traffico ferroviario

  • Aveva un tumore al collo, neonata operata durante il parto a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento