Acque Veronesi nella Bassa: 4 interventi e un piano pronto per Nogara

Prosegue l'impegno della società consortile per risolvere le criticità legate alla rete idrica e fognaria dell'area scaligera

Via Aralonga a Nogara

Quattro interventi; alcuni in corso, altri pronti a partire. E un piano degli interventi 2020/23, in approvazione tra qualche mese, che vedrà importanti investimenti proprio nella bassa veronese. È l’impegno di Acque Veronesi a Nogara dove tra acquedotto e fognatura sono in via di risoluzione alcune criticità, presenti e future.

La più sentita dai residenti riguarda via Aralonga, nella frazione di Caselle, zona completamente residenziale «ma ancora sprovvista di una moderna rete di fognatura», spiega il sindaco Flavio Pasini. «Fa parte di quel sistema di innovazione che insieme ad Acque Veronesi stiamo portando avanti su tutto il territorio. Dall’altra parte verso il centro andiamo avanti con la linea dell’acquedotto. Interventi per il presente ma anche per un prossimo futuro» conclude Pasini.

Oltre a via Aralonga, gli interventi sulla fognatura interesseranno anche via Casotti. Gli interventi sulla condotta idrica, in fase di conclusione, stanno riguardando invece le vie Amicis, Marconi, San Francesco, Gramsci, Alpini, Repubblica, Molino, Greppa, Papa Giovanni XXIII, Ferrarini, Nuova, Sterzi, con benefici su quest’ultima all’asilo nido. Nel corso dei lavori è stata recuperata e sanificata una vecchia condotta in acciaio presente nel centro del paese, inutilizzata da una trentina d’anni. Infine, in fase di conclusione a Erbè la realizzazione di nuovo pozzo che sarà funzionale anche per Nogara, Sorgà e all’occorrenza Gazzo Veronese.

«Per la parte acquedotto l’intervento più importante presente nel piano 2020/23 di Acque Veronesi riguarda Nogara - precisa il presidente Roberto Mantovanelli -. Il primo stralcio da tre milioni e mezzo circa è già stato avviato, il secondo, più importante, sarà inserito nel nuovo piano degli interventi, e ci consentirà di portare acqua ai comuni di Nogara e Gazzo con un sensibile miglioramento delle condizioni sanitarie perché purtroppo sappiamo che parliamo di zone che presentano inquinanti naturali».

«Da ex amministratore fa particolarmente piacere supportare un’iniziativa attesa da anni che porterà benefici su un territorio che veramente da molto tempo necessitava di importanti interventi strutturali» aggiunge il vicepresidente di Acque Veronesi Mirko Corrà, in sopralluogo nei giorni scorsi a Nogara con il presidente Mantovanelli e il sindaco Pasini. «Un lavoro importante quello che Acque Veronesi sta facendo, anche nella bassa veronese».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IMG_2500-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento