Abbattimento dei lupi, la Corte Costituzionale legittima le leggi trentine

Il Veneto esulta, l'assessore regionale Pan: «il Ministero dell'ambiente conceda la facoltà di gestione in autonomia a quei territori dove la presenza del lupo sta compromettendo la sopravvivenza di attività agricole e turistiche»

(Foto di repertorio)

La Corte Costituzionale ha ritenuto legittime le leggi delle province di Trento e Bolzano sulla cattura ed eventuale uccisione di orsi e lupi. Le leggi erano stati impugnate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. I giudici della Corte Costituzione hanno stabilito che il Presidente della Provincia ha pieni poteri per adottare provvedimenti riguardanti il prelievo, la cattura e l'eventuale uccisione di questi grandi carnivori, nei casi in cui ricorrano le condizioni previste dalla normativa di derivazione europea in materia di conservazione degli habitat naturali. Un potere, secondo i giudici, volto a prevenire danni gravi alle colture, all'allevamento e a garantire la sicurezza pubblica, quando non esiste altra soluzione valida, ma comunque subordinato al parere preventivo dell'Ispra.

La sentenza della Corte Costituzionale non è legata alla vicenda di stretta attualità dell'orso M49, perché non si riferisce all'ordinanza urgente firmata dal presidente della Provincia di Trento sulla rimozione dell'animale ritenuto pericoloso; ordinanza che contrasta con quanto chiesto dal ministro dell'ambiente Sergio Costa, il quale è contrario all'abbattimento.
La sentenza si riferisce alle leggi delle Province di Trento e Bolzano che avevano introdotto l'abbattimento dei lupi, un abbattimento vietato nel resto del Paese e che trova il parere contrario sempre del ministro Costa. Mentre la Regione Veneto è a favore dell'introduzione dell'abbattimento dei grandi carnivori per contenerne il numero ed evitare che una loro proliferazione crei danni agli agricoltori ed agli allevatori. «Alla luce del pronunciamento del massimo organo costituzionale, chiederò con maggiore forza di dare finalmente attuazione al piano di gestione dei grandi carnivori - ha dichiarato l'assessore veneto all'agricoltura Giuseppe Pan - È necessario che il Ministero dell'ambiente conceda la facoltà di gestione in autonomia a quei territori dove la presenza del lupo sta compromettendo la sopravvivenza delle attività agricole, turistiche e anche l'incolumità degli abitanti, prevedendo la possibilità di prelievo selettivo degli esemplari più pericolosi e problematici».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Wwf però sottolinea che la decisione della Corte Costituzionale «riguarda un problema di competenze normative tra Stato e Province Autonome e non casi concreti. E qualsiasi decisione riguardante eventuali catture o, addirittura, uccisioni di lupi o orsi dovrà comunque essere preventivamente autorizzata dall'Ispra: quindi è sempre necessario il parere positivo dello Stato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

Torna su
VeronaSera è in caricamento