La Gran Guardia ospita l’opera cinematografica di Karen Šachnazarov

Dieci pellicole verranno proiettate dal 13 gennaio al 30 marzo. Sarà l’occasione per scoprire un filmaker orgogliosamente russo e insieme cosmopolita, attraverso l’eterogeneità delle sue opere

Il sindaco Sboarina e l'assessore Toffali con il regista Sachnazarov e il professor Fallico

Dieci film che, dal 13 gennaio al 30 marzo, permetteranno al pubblico veronese di conoscere l’opera cinematografica di Karen Šachnazarov e di approfondire la cultura russa contemporanea attraverso uno dei suoi massimi esponenti. Šachnazarov, infatti, è regista e direttore degli studi Mosfil, la “Cinecittà” russa che produce circa 100 film all’anno. La retrospettiva, promossa dall’associazione Conoscere Eurasia, Mosfilm e Consolato onorario di Russia a Verona, con il patrocinio del Comune, sarà ospitata i lunedì sera, a partire della 20.30, nella sala convegni della Gran Guardia.

La rassegna dedicata a Šachnazarov si inserisce nell’ambito dell’11ª edizione di “Incontri con la Cultura Russa” e riunisce le opere del regista dal 1983 al 2017. Sarà l’occasione per scoprire un filmaker orgogliosamente russo e insieme cosmopolita, attraverso l’eterogeneità delle sue opere. Questa retrospettiva a lui dedicata comprende, infatti, commedie dell’assurdo e fantastiche, film di guerra, adattamenti di classici, road movie e musical. Filo conduttore dei film è l’ironia e l’umorismo.

Il cartellone è stato presentato, lunedì pomeriggio a palazzo Barbieri, dal sindaco Federico Sboarina con l’assessore alle Relazioni internazionali Francesca Toffali, dal presidente di Conoscere Eurasia Antonio Fallico e dal regista Karen Šachnazarov. Presente il curatore della retrospettiva Luca Peloso.

«Siamo orgogliosi di ospitare un evento di così alto livello – ha detto il sindaco Sboarina -. Grazie al Forum Eurasiatico, Verona è diventata punto di riferimento internazionale, a livello economico e politico, per le relazioni con la Russia e i Paesi eurasiatici. Ora, grazie a questa rassegna è palcoscenico e luogo d’incontro per la cultura e la cinematografia. So che al maestro Šachnazarov è piaciuta molto la nostra città. Sarei molto contento se da questa visita potesse nascere una nuova sceneggiatura che veda Verona protagonista di un suo film».

«Šachnazarov è un grandissimo regista – ha detto l’assessore Toffali – e sono convinta che questa sia solo la prima delle sue visite, perché è rimasto assolutamente affascinato dalla nostra città. Per Verona, la sua presenza non è solo l’occasione di conoscere la cultura russa, ma anche quella di entrare in contatto con i suoi grandi esponenti. Un’opportunità straordinaria per sviluppare nuovi legami e per far crescere le relazioni tra le nostre comunità».

«Attraverso la sua opera – ha detto Fallico – Šachnazarov mette al centro del suo racconto l’uomo, nella sua complessità. Questa retrospettiva sarà l’occasione per conoscere un grande artista, ma soprattutto per approfondire i legami con la cultura russa».

«Sono molto grato alla città – ha detto Šachnazarov – per avermi dedicato questa rassegna. Noi registi giriamo film per fare in modo che le persone si comprendano meglio. Spero che questo sia un contributo, seppur piccolo, per rafforzare le relazioni tra il popolo russo e quello italiano».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

  • Aveva un tumore al collo, neonata operata durante il parto a Verona

  • Verona e le sue bellezze storiche e culturali approdano in tv sulla Rai

Torna su
VeronaSera è in caricamento