Oltre 200 volontari della Protezione Civile scaligera attivati per il maltempo

«L’aver programmato la scorsa settimana gli eventuali interventi per lo sgombero neve e l’aver allertato i gruppi scaligeri di Protezione Civile, ci ha permesso di contenere i disagi e i pericoli soprattutto per gli utenti delle strade»

La Protezione Civile al lavoro per il maltempo

Sono stati oltre 200 i volontari, coordinati dall’unità operativa provinciale della Protezione Civile, al lavoro nei territori scaligeri colpiti dal maltempo nella notte di sabato e nella giornata di domenica 5 maggio.
Quattordici squadre a Peschiera, impegnate in particolare a liberare dall’acqua scantinati e garage con le motopompe. In tutto quindi 70 volontari a cui se non sono aggiunti altri 100, dal basso lago al Baldo, per rimuovere detriti prodotti dalle “lagheggiate” e rami dalle strade.
Una cinquantina, invece, i volontari all’opera in Lessinia, per sgomberare la viabilità da alberi e neve.
L’unità operativa della Protezione Civile della Provincia aveva allertato tutti i gruppi del territorio veronese venerdì, alla luce delle previsioni meteo per sabato e domenica. Le stesse previsioni avevano portato, la scorsa settimana, il servizio Viabilità della Provincia a riattivare le ditte incaricate dello sgombero neve. In tutto i mezzi impiegati da queste ultime per liberare le strade - dal Baldo alla Lessinia orientale - sono stati 25. Oltre allo sgombero neve è stato programmato anche lo spargimento di sale, proseguito lunedì mattina per contenere la formazione di ghiaccio lungo la viabilità nelle aree più a nord della provincia.
Nella giornata di domenica sono state chiuse temporaneamente – e poi riaperte al traffico entro sera – la Sp37b a Pian di Castagnè per detriti sulla carreggiata, strada Graziani (Sp8dir) per alberi caduti su alcuni tralicci della linea elettrica e la Sp6, chiusa da Camposilvano per neve e forte vento. Difficoltà, sempre per detriti e allagamenti, sulla provinciale 58 a Soave.

«Purtroppo i fenomeni meteorologici del fine settimana hanno provocato danni ingenti, in particolare nella zona del Garda – afferma il Presidente della Provincia di Verona –. L’aver programmato la scorsa settimana gli eventuali interventi per lo sgombero neve e l’aver allertato i gruppi scaligeri di Protezione Civile, ci ha permesso di contenere i disagi e i pericoli soprattutto per gli utenti delle strade. Ringrazio quanti ieri hanno lavorato senza sosta in condizioni più che difficili: funzionari e dirigenti della Provincia, volontari della protezione civile, ditte e Comuni».

Proseguirà anche nei prossimi giorni il monitoraggio da parte della Provincia per individuare eventuali smottamenti o eventi franosi che dovessero verificarsi in seguito alle precipitazioni dei giorni scorsi.

Potrebbe interessarti

  • Sanità, nascono in Veneto i team di assistenza primaria: «Facilitare l'accesso alle cure»

  • Verona, piante gratis ai cittadini

  • Ama il tuo intimo: un check up gratuito dal ginecologo grazie a Chilly e Intima Roberts

  • Regione Veneto: bando di incentivazione dei sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla SR450, tre ragazzi investiti da un'auto: due 20enni morti

  • Stroncata da una malattia durante una vacanza: 17enne muore in Grecia

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 19 al 21 luglio 2019

  • Incidente in moto sull'A22 all'uscita per Affi: un morto e un ferito grave

  • L'imprenditore edile Attilio Lonardi è morto all'età di 57 anni

  • Abusa della figlia più piccola per cinque anni, medico veronese condannato

Torna su
VeronaSera è in caricamento